NEWS  
CINEMA  
CINQUE PUNTO 1  
MUSICA  
LETTURE  
 
Will Christopher Baer  

Douglas Coupland  

Omar Di Monopoli  

Saverio Fattori  

Victor Gischler  

Carl Hiaasen  

Stephen King  

Steve Malins  

Jay McInerney  

Jonathan Miller  

Hugues Pagan  
 
Chuck Palahniuk  

David Peace  

David Peace  

Tommaso Pincio  
 
Andrea Piva  

Serge Quadruppani  

Serge Quadruppani: Y  

Simon Reynolds  

Simone Sarasso  

Hunter S. Thompson  

William T. Vollmann  
 
RACCONTI  
 
Closer  
 
Anche Wess vuole la sua parte  
 
Memoria  
 
Hai Dozo  
 
Benedetti siano i vermi  
 
La notte in cui scopai la figlia di Sammy Barb˛  
ARTE  
FUMETTI  
INCONTRI  
BLACKBOX  
IL POTERE DEL MEDIO  
OLTRE  
STANLEY KUBRICK  
TEMI DEL DESKTOP  
LINKS  
ARCHIVIO  
DEPECHE MODE TOUR 2005-2006
 
Google
Web blackmailmag.com
 

SAVERIO FATTORI: Acido Lattico (Gaffi, pp. 158, € 11,00)
 

SAVERIO FATTORI : ACIDO LATTICO

Ordina da iBS Italia

Lo sport non mi interessa. Negli anni d’oro di Ayrton Senna andavo ad Imola a tifare McLaren, a consumare costolette di maiale e mignon di whisky alle cinque del mattino sulla Tosa o sulla Rivazza, poi finý anche quello. Mi piace la boxe. Mi piace il biliardo. Mi piace il bowling. Mi piace il motocross. Tutto il resto mi fa sbadigliare. Faccio questa premessa per dire che sulla carta non sarei stato la persona pi¨ adatta a leggere e recensire il terzo romanzo di Saverio Fattori. Non seguo il calcio, dipendesse da me gli stadi dovrebbero ospitare solo concerti rock dei miei gruppi preferiti e se vedo migliaia di cinesi in fila davanti al botteghino del Centro Olimpico di Pechino mi metto a sghignazzare. L’Atletica Leggera? Ma non Ŕ meglio saltare in sella a una  Mv Agusta Brutale 910 R, dare gas e vedere quanto ci mette la bestia quattro cilindri in linea a fare Leuca-Cuneo? Poi per˛ mi metto a leggere articoli che dicono:Se verrÓ il sospetto che delle atlete "donne" non dovessero essere tali durante le Olimpiadi di Pechino sarÓ in funzione uno specifico laboratorio che sottoporrÓ le sportive alla prova dell'identitÓ sessuale.”  Oppure: “Olimpiadi di Pechino, sono aria e cibo gli incubi degli atleti in gara”. Questo ha a che fare con gli esseri umani. ╚ un argomento che mi affascina e che colpisce la mia fantasia. Aprendo il nuovo libro di Fattori mi sono venute in mente due cose. La prima Ŕ una frase di Jean Baudrillard, il mio filosofo prediletto: “Il corpo Ŕ vezzeggiato nella perversa certezza della sua inutilitÓ, nella totale certezza della sua non resurrezione.” La seconda Ŕ che l’autore emiliano di Alienazioni padane, Chi ha ucciso i Talk Talk? e Cattedrale (pubblicato a puntate sulla rivista Carmilla) ha nelle sue corde una rara predisposizione a costruire drammi allegorici sulla condizione umana, sul nostro destino e la nostra inutilitÓ.

   La solitudine, l’instabilitÓ delle cose terrene, l’elemento comico che si fonde con quello tragico, sono al centro anche della vicenda di Claudio Seregni, atleta.

  “Seregni Claudio cerca un pensiero pulito. Deve concentrarsi su numeri, prestazioni cronometriche da raggiungere, le date delle prossime gare.”, leggiamo nell’incipit.   Claudio Seregni si ammazza di allenamenti e sopporta (male) un carico di rancore verso gli altri. ╚ un uomo che prende appunti minuziosi sui fallimenti degli altri, sulle meteore dell’ambiente sportivo. Tutte le promesse mancate, tutto il potenziale disperso delle giovani speranze dell’agonismo sono il suo nutrimento. ╚ razzista, Seregni. All’inizio del romanzo insulta un magrebino e la sua ragazza, poi salta gi¨ dall’autobus e si mette a correre come un vigliacco dotato di buone gambe. La sua arroganza Ŕ quella di chi vive ogni incontro, ogni situazione come un potenziale detonatore: “Quando un estraneo mi chiede che lavoro faccio, con una sobria aria di superioritÓ sul mio interlocutore, dico: i cinquemila. Mi compiaccio di quei secondi di imbarazzo e curiositÓ e attendo la replica. Cosa fai? Corro, sui cinquemila metri ho ottenuto i risultati migliori. Atletica! Fantastico! Gli anelli, il corpo libero! No, quella Ŕ la ginnastica, ho detto che corro. Atletica leggera. E ti pagano? Non abbastanza. Beh, non Ŕ mai abbastanza, ma fai una cosa bellissima. Non ho le ferie e nessuna forma di previdenza, corro dodici mesi all’anno, in genere due allenamenti al giorno, se ho un infortunio e non posso gareggiare si fa pesante, non corro per un gruppo sportivo militare, la mia societÓ mi passa un mensile fisso ridicolo. Capisco. Non credo.”

   Ambizione: ecco di cosa parla Acido lattico. Con schiettezza ed anti-buonismo, con un andamento a spirale limpido e secco, Fattori mette a fuoco l'angoscia di non farcela a diventare qualcuno, di rimanere intrappolati nell’orrido purgatorio dei “non ancora”. Messo a nudo davanti alle sue inquietudini, l’animale uomo non Ŕ pi¨ una gazzella ma un tossico impantanato in quei buoni propositi che a lungo andare sono diventati smania, delirio, gravosa ossessione.

   L’atletica leggera non Ŕ lo sport che va per la maggiore in una nazione di pallonari. Nell’atletica leggera, quando le Olimpiadi si profilano all’orizzonte, devi dannarti l’anima se vuoi essere notato. I protagonisti sono gli altri. Gli altri possono rubarti facilmente la scena, estrometterti, renderti ombra tra le ombre di un’avvilente nullitÓ. ╚ a questo che pensa Seregni Claudio mentre chiede al suo corpo di non arrendersi a ogni sofferenza, al pi¨ irrevocabile declino.

   Scritta magistralmente, con la stessa ricchezza di particolari e profonditÓ di esposizione che caratterizzavano le prove precedenti, l’ultima opera di Saverio Fattori Ŕ grande narrativa dal contenuto amaro e spietato. Come lo sport, come la vita reale.

 

Nino G. D’Attis

Saverio Fattori sul web

Saverio su BMM