NEWS  
CINEMA  
CINQUE PUNTO 1  
MUSICA  

Black Sabbath  

Casino Royale  

Chaos| Order  

Dave Gahan  

Deadburger  

Depeche Mode  

Depeche Mode: SOTU  
 
Depeche Mode:Discografia  

Duran Duran  

Editors  

Ennio Morricone  

Federico Fiumani  

John Frusciante  

Grinderman(Nick Cave Side Project)  

Guns N’ Roses  

Jarvis Cocker  

Killing Joke  
 
Kraftwerk  
 
Madonna  
  Marilyn Manson  
 
LCD SOUNDSYSTEM  

Marlene Kuntz  
 
Massive Attack  

Miles Davis  

Nine Inch Nails  
 
Pankow  
 
Pere Ubu  

Psychic Tv  

Portishead  
 
Primal Scream  
 
Psycho Sum  

Rammstein  

Recoil: subHuman  

Recoil: Selected  
 
Red Hot Chili Peppers  
 
Scott Walker  
 
Sonic Youth  
 
Stars  
 
Studio Davoli  

The Good The Bad & The Queen  
 
The Orange Man Theory  
 
The Stooges  

Tobia Lamare & The Sellers  

Tobia Lamare & The Sellers  

Tom Waits  
 
UNKLE: Self Defence  
 
UNKLE: War Stories  
LETTURE  
ARTE  
FUMETTI  
INCONTRI  
BLACKBOX  
IL POTERE DEL MEDIO  
OLTRE  
STANLEY KUBRICK  
TEMI DEL DESKTOP  
LINKS  
ARCHIVIO  
DEPECHE MODE TOUR 2005-2006
 
Google
Web blackmailmag.com
 

RAMMSTEIN: Liebe ist fr alle da (Universal)

Magari un periodo di recessione per l’amore e anche per il sesso. Tipo che ti ritrovi invischiato in una relazione che si trascina da troppo tempo in letti freddi, infestati  - oltre che dagli acari - da silenzi pi sconclusionati dei discorsi. Probabilmente dall’altra parte c’ un muro che nessun bulldozer potrebbe buttare gi. dura, vero? Ci bevi su qualcosa di forte e subito dopo anche un disco come l’ultimo dei Rammstein assume un senso. Quel ‘tanz metal’ sboccato e caciarone che arriva dalla Grande Germania e che per il video di Pussy, primo singolo estratto dall’album, ha convinto il regista Jonas kerlund (ex drummer del gruppo metal svedese Bathory, oggi apprezzato da Elizabeth Hurley e Madonna) a girare una specie di cortometraggio porno con tanto di organi genitali esposti ed eiaculazioni a go-go.

 

“Schnes Frulein, lust auf mehr?

Blitzkrieg mit dem Fleischgewehr

Schnapps im Kopf, du holde Braut

Steck Bratwurst in dein Sauerkraut…”

 

   Non roba per la patinatissima MTV e neppure per Youtube (la scorsa settimana ho provato a postare il video di due acari della famiglia Trombiculidae che si accoppiano, filmati sul materasso della mia ex e dopo venti minuti scarsi ‘sti puritani con la carta di credito d’oro l’avevano gi rimosso, bollandolo come pornografico). Per far circolare il loro suadente, testosteronico inno alla gnocca (in realt una satira sull’animale uomo e sulla misoginia), i Rammstein hanno sfruttato i luoghi pi peccaminosi del web e, proprio secondo i piani, la notizia ha fatto il giro del mondo (si sussurra che il “fattaccio” abbia causato la dissociazione e rescissione del contratto da parte della Universal Records ma non ci credo).

   I Rammstein, dicevo, sono uno di quei gruppi che per una ragione o l’altra non ti sogneresti mai di prendere completamente sul serio. Vanno benissimo per rompere la monotonia delle sette di sera in un posto qualsiasi della  Confederazione Svizzera o per rallegrare un addio al celibato in Kazakistan, non dico di no. musica che ti ricorda istintivamente Johann Hans Hlzel, in arte Falco e le feste di Natale della Lauda Air della fine del secolo scorso. Voglio dire: anche con Elio & Le Storie Tese ai tempi de La visione potevi farti due risate e finiva l. Gente che suona divinamente, mica mostaccini di Magdeburgo tipo i Tokio Hotel. Invece bisognerebbe ricordarsi di ci che diceva Gilles Deleuze: "Il pensiero, nessuno lo prende molto sul serio, tranne quelli che si considerano pensatori o filosofi di professione”. E, ragazzi miei, l’ex promessa del nuoto Till Lindemann scrive quasi sempre testi davvero profondi. Pescando da Hoffmann, Goethe, se no dal calendario di Nuts, che importa.

   Pur senza grandi sconvolgimenti, Liebe ist alle fr da, registrato da Jacob Hellner al Sonoma Mountain Studio (California), un lavoro che, a quattro anni di distanza dal precedente Rosenrot e figlio di una crisi interna che ha rischiato di sciogliere la band, prova a spingersi oltre le prove passate: partenza autocelebrativa con il brano intitolato Rammlied, cuore heavy (B********) quando non proprio industrial-metal (Ich tu dir Weh) e grandi ballatone (Frhling in Paris e Roter Sand). Una riuscita fusione di atmosfere aggressive e splendide oasi melodiche, con un sound che generalmente mette in secondo piano le tastiere per privilegiare le chitarre.

   Probabilmente un periodo di fottuta depressione per l’amore e anche per il sesso. Ci sono giorni in cui detesto i Rammstein e giorni in cui a parte la loro musica non ascolto altro.

 

(J.R.D.)

 

www.rammstein.de