NEWS  
CINEMA  
CINQUE PUNTO 1  
MUSICA  

Black Sabbath  

Casino Royale  

Chaos| Order  

Dave Gahan  

Deadburger  

Depeche Mode  

Depeche Mode: SOTU  
 
Depeche Mode:Discografia  

Duran Duran  

Editors  

Ennio Morricone  

Federico Fiumani  

John Frusciante  

Grinderman(Nick Cave Side Project)  

Guns N’ Roses  

Jarvis Cocker  

Killing Joke  

Kraftwerk  
 
LCD SOUNDSYSTEM  

Madonna  
  Marilyn Manson  

Marlene Kuntz  

Massive Attack  

Miles Davis  

Nine Inch Nails  

Pankow  

Pere Ubu  

Psychic Tv  

Portishead  
 
Primal Scream  

Psycho Sum  

Rammstein  

Recoil: subHuman  

Recoil: Selected  

Red Hot Chili Peppers  

Scott Walker  

Sonic Youth  

Stars  

Studio Davoli  

The Good The Bad & The Queen  

The Orange Man Theory  
 
The Stooges  

Tobia Lamare & The Sellers  

Tom Waits  
 
UNKLE: Self Defence  
 
UNKLE: War Stories  
LETTURE  
ARTE  
FUMETTI  
INCONTRI  
BLACKBOX  
IL POTERE DEL MEDIO  
OLTRE  
STANLEY KUBRICK  
TEMI DEL DESKTOP  
LINKS  
ARCHIVIO  
DEPECHE MODE TOUR 2005-2006
 
Google
Web blackmailmag.com
 

THE ORANGE MAN THEORY: Riding a cannibal horse from here to... (Indelirium Records)
 

THE ORANGE MAN THEORY: Riding a cannibal horse from here to...

Strane cose possono accadere a Clinton, Massachusetts, USA. Prendi un volo da Roma con la tua band, ti ritrovi nello studio di registrazione di Steve Austin dei Today Is The Day ed proprio con questo signore in veste di produttore e musicista aggiunto che registri il tuo disco d’esordio.

   La tua band si chiama The Orange Man Theory, si fatta la solita trafila sala prove/concerti/sala prove/altri concerti e qualora ti trovassi nella condizione di doverla presentare ai genitori della tua nuova ragazza diresti senza mezzi termini che pesta duro. Le bugie in questi casi non servono, l’hai sempre saputo. Sei quello che urla nel microfono “Look out. I wish I could lie” in un pezzo che si chiama Vampires in the sun (Surfin’ Transylvania) ma i padri delle tipe non si lasciano infinocchiare facilmente: capacissimi di chiedere a bruciapelo se Merendina, il batterista del gruppo, si chiama cos all’anagrafe. E se vi piacciono i primi White Zombie. E se il vento psichedelico che si avverte in diversi passaggi dell’album un caldo vento heavy da session nel deserto che si alza intorno al tessuto hardcore di un debutto niente male.

   I padri delle tipe (ora lo sai) sono dei gran ficcanaso. Generazione vinil-dipendente che non ha ancora capito il cd, figuriamoci il formato Mp3. Vecchi mammiferi che si commuovono alla vista di un cd con la label truccata da Lp. Immagina la scena: ’Nsomma, che tipo ‘sto Austin? Simpatico, dici? Emb, per pure voi quattro non siete mica coglionazzi qualsiasi, lasciamelo dire!

   Il bacucco (che somiglia in maniera impressionante a Dale Crover dei Melvins) ti fa accomodare in salotto, rimette Riding a cannibal horse from here to... dall’inizio e ti sorprende sfoderando in rapida sequenza: A) una t-shirt nera della Amphetamine Reptile sotto la squallida vestaglia a quadri rossi e neri. B) la discografia completa degli Unsane. C) Il ghigno folle tipico di chi abituato a cominciare la giornata con qualcosa dei Converge.

   Dice che queste nove tracks sono roba buona, roba sublime, roba da sturbo almeno quanto le cose migliori dei Circle Of Dead Children, dei Pro Pain e dei Nothingface. Dice che il fegato non vi manca e che l’ironia non vi difetta, visto che il fulminante titolo in coda si chiama 007 (ce fa na pippa). Si permette di aggiungere che il mix tra THE ORANGE MAN THEORYsamples, chitarre e (poderosa) sezione ritmica davvero riuscito e che il groove gira sempre giusto (cita in particolare Where we’re going we don’t need roads) in un piccolo miracolo che fa coesistere massicci riff anni ’70 (con puntate in territori garage), toni melodici e hardcore di alta scuola. Punk metallizzato. Ondeggiamenti psichedelici per un’onda d’urto tanto caotica e vitale da sfuggire miracolosamente alle trappole della nostalgia.

   Gli fai vedere la sezione CD-Rom del disco, con galleria fotografica e documentario video delle registrazioni svoltesi tra l’agosto del 2004 e il gennaio 2005.

   Gli spieghi che nessun cavallo stato ferito durante la realizzazione del lavoro.

   Il vecchio nostromo si scioglie in lacrime. Non te l’aspettavi.

  Ti benedico, figlio. Vai, spupazzati mia figlia e porta la buona novella dei The Orange Man Theory a tutto il mondo!

  Ehm...grazie, signore.

  Chiamami pure pap!

   (N.B. ormai FATTA!)

(J.R.D.)

www.theorangemantheory.com

www.indeliriumrecords.com