NEWS  
CINEMA  
CINQUE PUNTO 1  
MUSICA  

Black Sabbath  

Casino Royale  

Chaos| Order  

Dave Gahan  

Deadburger  

Depeche Mode  

Depeche Mode: SOTU  
 
Depeche Mode:Discografia  

Duran Duran  

Editors  

Ennio Morricone  

Federico Fiumani  

John Frusciante  

Grinderman(Nick Cave Side Project)  

Guns N’ Roses  

Jarvis Cocker  

Killing Joke  
 
Kraftwerk  
 
Madonna  
  Marilyn Manson  
 
LCD SOUNDSYSTEM  

Marlene Kuntz  
 
Massive Attack  

Miles Davis  

Nine Inch Nails  
 
Pankow  
 
Pere Ubu  

Psychic Tv  

Portishead  

Primal Scream  
 
Psycho Sum  

Rammstein  

Recoil: subHuman  

Recoil: Selected  
 
Red Hot Chili Peppers  
 
Scott Walker  
 
Sonic Youth  
 
Stars  
 
Studio Davoli  

The Good The Bad & The Queen  
 
The Orange Man Theory  
 
The Stooges  

Tobia Lamare & The Sellers  

Tom Waits  
 
UNKLE: Self Defence  
 
UNKLE: War Stories  
LETTURE  
ARTE  
FUMETTI  
INCONTRI  
BLACKBOX  
IL POTERE DEL MEDIO  
OLTRE  
STANLEY KUBRICK  
TEMI DEL DESKTOP  
LINKS  
ARCHIVIO  

IN PRIMO PIANO

DEPECHE MODE TOUR 2005-2006
 
Google
Web blackmailmag.com
 

CASINO ROYALE: REALE (V2/Edel)

CASINO ROYALE:REALE

Ordina da iBS Italia

“Tutto quello che sei / In ogni cosa che fai.”

 

Il ritmo e le parole non dicono il falso: dentro queste dieci nuove canzoni dei Casino Royale c’Ŕ l’essenza di una band che ha voglia di rimettersi in gioco con l’onestÓ e l’istinto di sempre. Sommati a una storia di tutto rispetto, sono fattori che, a un decennio di distanza da CRX, bellissimo e cruciale mosaico sonoro rivalutato da molti solo a posteriori (e per chi scrive, precursore di 100th window dei Massive Attack), producono il miracolo di un disco pop di alta classe. Bello nei suoni, curati da Howie B, “regista di dischi” che vanta nel suo curriculum collaborazioni con U2 e Bj÷rk. Bello nei testi, urgenti e forti, scritti da qualcuno che ha ancora cose da dire. Quell’Alioscia che una volta, prima del doloroso scisma, spartiva il microfono con Giuliano ‘The King’ Palma e adesso ha imparato a fare tutto da solo, anche le linee melodiche.

   Commenti estratti dal sito ufficiale del gruppo: “Uaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa! GRAZIE RAGA!!! il disco Ŕ una figata, e se il king non c’Ŕ non sa cosa si sta perdendo!!” (El Toro); “Sto ascoltando il vostro cd… Sto ascoltando il vostro cd… Sto ascoltando il vostro cd… Sto ascoltando il vostro cd… No adesso uno di voi CR viene a casa mia e mi spegne lo stereo! Io non ci riescoooo!” (Mattia); “20 anni di groove e non vi siete spenti, bravi ragazzi!!!” (Ago).

   Con Reale torna a dare segnali positivi una tra le poche formazioni italiane da esportazione (e dagli anni ’80 ad oggi si contano sulle dita di una mano: Afterhours, Almamegretta, Planet Funk), un progetto partito dall’amore per lo ska di marca Specials e Skatalites, giunto a rapida maturazione artistica, prima con il tellurico crossover di Dainamaita (1993), poi con le raffinatezze di Sempre pi¨ vicini (1995, il produttore era il bristoliano Ben Young, due anni dopo sarebbe stato il turno di Tim Holmes nel successivo CRX). La novitÓ Ŕ che, uscito dal letargo (e dalle pressioni dei discografici a caccia del disco d’oro a tutti i costi) adesso il quintetto fa esattamente quello che gli pare. ╚ nel Dna dei Casino: esserci sempre, con la sinceritÓ e l’entusiasmo di sempre, tirando fuori un background di assoluto rispetto che comprende i Clash e Lee ‘Scratch’ Perry, il soul, il funk, l’hip hop, il trip-hop e il drum’n’bass. Cosý, Ŕ bello leggere in giro le dichiarazioni di Alioscia su un album nato tra Milano e Londra da un felice momento creativo, pensando alle canzoni, al feedback con i vecchi fans, all’eventualitÓ di una distanza con i sedicenni di oggi.

   Reale si veste di accenti britannici, alterna toni nervosi (Easy tranquillo) a colori pi¨ morbidi (la meditativa Prova, primo singolo estratto, e In my soul kingdom, brani che, insieme all’iniziale Tutto e a Protect me, rappresentano il picco estetico del disco), bassi profondi e lucidi scatti urbani (Plastico mistico), lampi di disco-wave ’80 (Milano double standard, altri riferimenti nel tessuto sonoro potrebbero essere !!! e LCD Soundsystem, soprattutto nell’ipnotico gioco di basso, batteria e chitarra in coda).

   Per farla breve (meglio ascoltare la musica che leggere le stronzate di chi scrive di musica): questo Ŕ il mio disco italiano dell’anno.

(J.R.D.)

www.casinoroyale.it