NEWS  
CINEMA  
CINQUE PUNTO 1  
MUSICA  

Black Sabbath  

Casino Royale  

Chaos| Order  

Dave Gahan  

Deadburger  

Depeche Mode  

Depeche Mode: SOTU  
 
Depeche Mode:Discografia  

Duran Duran  

Editors  

Ennio Morricone  

Federico Fiumani  

John Frusciante  

Grinderman(Nick Cave Side Project)  

Guns N’ Roses  

Jarvis Cocker  

Killing Joke  

Kraftwerk  
 
LCD SOUNDSYSTEM  

Madonna  
  Marilyn Manson  

Marlene Kuntz  

Massive Attack  

Miles Davis  

Nine Inch Nails  

Pankow  

Pere Ubu  

Psychic Tv  

Portishead  
 
Primal Scream  

Psycho Sum  

Rammstein  

Recoil: subHuman  

Recoil: Selected  

Red Hot Chili Peppers  

Scott Walker  

Sonic Youth  

Stars  
 
Studio Davoli  

The Good The Bad & The Queen  
 
The Orange Man Theory  
 
The Stooges  

Tobia Lamare & The Sellers  

Tom Waits  
 
UNKLE: Self Defence  
 
UNKLE: War Stories  
LETTURE  
ARTE  
FUMETTI  
INCONTRI  
BLACKBOX  
IL POTERE DEL MEDIO  
OLTRE  
STANLEY KUBRICK  
TEMI DEL DESKTOP  
LINKS  
ARCHIVIO  
DEPECHE MODE TOUR 2005-2006
 
Google
Web blackmailmag.com
 



STARS: Set yourself on fire (City Slang)

La scena musicale canadese va confermandosi in questi anni come una delle realtÓ pi¨ vitali dell’attuale panorama indie. Dopo Broken Social Scene e Apostle  Hustle la prolifica etichetta tedesca City Slang getta nella mischia Set yourself on fire degli Stars. In realtÓ il disco Ŕ in giro giÓ da questa estate ma arriva in Italia con notevole ritardo per vari problemi di distribuzione e il rischio di perdersi questo gioiello di pop lunatico Ŕ scongiurato.

   Tenue, fumoso e altamente ipnotico, Set yourself on fire si presenta come opera avvolgente che stupisce per la complessitÓ delle canzoni quasi sempre intorno ai cinque minuti  che inevitabilmente  si apprezzano maggiormente dopo ripetuti ascolti.

   Tra rumori metropolitani e malinconici violini emergono riflessioni quotidiane  sul sesso, la morte, le dipendenze in un dilagante fiume di pop trasversale che vede spesso l’impiego di una dozzina di strumenti contemporaneamente.

Del resto sembra ormai essere questa l’unica strada da percorrere per potenziare la creativitÓ nella musica indie ed Ŕ sempre pi¨ facile imbattersi in band di otto o dieci elementi come gli Architecture in Helsinki che suonano svariati e assurdi strumenti. Il rischio di mettere una cornamusa al posto sbagliato o utilizzare una viola laddove non vi Ŕ alcuna necessitÓ Ŕ indubbiamente alto ma questo non Ŕ il caso degli Stars che guadagnano un suono denso di sensazioni seducenti e indefinibili.

   Your ex love is dead Ŕ elegiaca ed estatica un po’ come suonerebbero gli Smiths persi in un labirinto di specchi. La canzone che da’ il titolo all’album, Set yourself Ŕ la fotografia color seppia di un felice incontro tra New Order e Belle & Sebastian. Reunion ricorda i Lush pi¨ eterei di Spooky mentre la spigolositÓ dei suoni in He lied about death Ŕ quasi spossante con puntate all’elettronica molto vicine alla Berlino di questo decennio. Anche One more night ha in effetti una certa somiglianza con i tedeschi Notwist ma sono in particolare i Tarwater ad essere ripescati nell’uso in sottofondo di certi arazzi elettronici. A chiudere il disco una dolcissima Calendar girl canzone adattissima a questo autunno piovoso.

   Il maggior pregio di Set yourself on fire Ŕ in fondo piuttosto chiaro: su tutti i pezzi, spesso caratterizzati da una semplice melodia, incombe la minaccia di sconvolgenti scariche elettriche e drastici cambi di tempo, impressioni che misteriosamente  non si attenuano anche quando pensi di averne afferrato il senso.

 

 

 

 

 

 

 

Jo Laudato