NEWS  
CINEMA  
CINQUE PUNTO 1  
MUSICA  

Black Sabbath  

Casino Royale  

Chaos| Order  

Dave Gahan  

Deadburger  

Depeche Mode  

Depeche Mode: SOTU  
 
Depeche Mode:Discografia  

Duran Duran  

Editors  

Ennio Morricone  

Federico Fiumani  

John Frusciante  

Grinderman(Nick Cave Side Project)  

Guns N’ Roses  

Jarvis Cocker  

Killing Joke  
 
Kraftwerk  
 
Madonna  
  Marilyn Manson  
 
LCD SOUNDSYSTEM  

Marlene Kuntz  
 
Massive Attack  

Miles Davis  

Nine Inch Nails  
 
Pankow  
 
Pere Ubu  

Psychic Tv  

Portishead  

Primal Scream  
 
Psycho Sum  

Rammstein  

Recoil: subHuman  

Recoil: Selected  
 
Red Hot Chili Peppers  
 
Scott Walker  
 
Sonic Youth  
 
Stars  
 
Studio Davoli  

The Good The Bad & The Queen  
 
The Orange Man Theory  
 
The Stooges  

Tobia Lamare & The Sellers  

Tom Waits  
 
UNKLE: Self Defence  
 
UNKLE: War Stories  
LETTURE  
ARTE  
FUMETTI  
INCONTRI  
BLACKBOX  
IL POTERE DEL MEDIO  
OLTRE  
STANLEY KUBRICK  
TEMI DEL DESKTOP  
LINKS  
ARCHIVIO  
DEPECHE MODE TOUR 2005-2006
 
Google
Web blackmailmag.com
 

PRIMAL SCREAM: Beautiful Future (B-Unique/Warner)

Ma che bella botta il nuovo album dei Primal Scream! Gente che in tempi di letargo di grandi stelle del firmamento rock ricorda ancora di aver dato in pasto al mondo tre capolavori assoluti nel corso di una oramai lunga e pi¨ che decorosa carriera (ventisette anni in pista, mica male, eh?). E i dischi in questione sono Screamadelica (1991), Vanishing Point (1997) e l’imprescindibile XTRMNTR (2000). Roba che i pischelli di oggi dovrebbero studiare sui banchi di qualsiasi Rock’n’Roll High School che si rispetti, piuttosto che sprecare tempo con le seghe da nerd tipo ‘Guitar Hero’ e ‘Rock Band’.

   I Primal Scream sono una ragione per vivere. I Primal Scream sono una ragione per continuare ad ascoltare musica quando la maggior parte dei fenomeni da baraccone Ŕ occupata a sfoggiare una totale mancanza di coinvolgimento in ci˛ che fa. I Primal Scream sono il trionfo dell’intelligenza nel disfacimento culturale che dilaga. ╚ fantastico avere degli eroi. Gli eroi ti tirano su con un pugno di canzoni oneste, con quei lampi di sacro fuoco che una volta riuscivano a mettere insieme le persone intorno ad un giradischi.

   Bobby Gillespie maestro di stile, generale in prima linea al comando di una pattuglia di eroi senza paura: Andrew Innes (chitarre), Mani (basso), Martin Duffy (tastiere) e Darrin Mooney (batteria). E se il presente della musica fa pressochÚ schifo, i Primals (re)inventano un bel futuro confezionando un lavoro di pop moderno anticipato dal singolo Can’t go back (due diverse B-sides: Jesus is my air-O-plane nella versione cd ed Urban guerrilla in quella a 7” in vinile rosso). Coretti micidiali, ritmo serrato, produzione curata da Paul Epworth (Bloc Party, The Rakes),  un videoclip che Ŕ un dichiarato omaggio al cinema di Dario Argento (Suspiria in particolare). PerchÚ le anime della band fondata dal figlio di un militante socialista scozzese sono almeno tre: quella R’n’R di stampo Rolling Stones/Stooges/MC5, quella pi¨ sperimentale influenzata dall’onda post punk (P.I.L.) ed elettronica e quella pop, appunto, sintesi delle prime due, pentolone nel quale sguazzano gli anni ’70 ed ’80 del secolo scorso (Uptown sembra uscita da un’antologia dedicata all’era dello Studio 54 della Grande Mela; Zombie man sa di Stoccolma, di glam, di Abba) ma anche l’Iggy Pop di The Idiot, il Bowie di Let’s Dance (in Glory of Love). A sorpresa spunta la cover di Over and over dei Fleetwood Mac cantata in duetto con la folksinger Linda Thompson (nell’originale, contenuta nel doppio Tusk del 1979, era affidata alle corde vocali di Stevie Nicks). Ancora, parlando di ospiti, ecco le collaborazioni annunciate con  Lovefoxxx (vocalist dei CSS),  Bj÷rn Yttling dei Peter, Bj÷rn and John, e con quel prezzemolino di Josh Homme dei Quees Of The Stone Age (per la conclusiva, psicotica Necro Hex Blues).

   Funziona tutto, con lo smalto dei verdi anni e l’esperienza rodata sui palchi di mezzo mondo. Si chiama chimica, ed Ŕ qualcosa che gli Arctic Monkeys, gli Interpol o i The Music non raggiungeranno mai, neppure quando sarÓ arrivata l’ora di mettere la dentiera. “I'm a street fighting dancer / I'm a revolutionary romancer / I'm society's cancer / I'm a two-tone panther…”

(J.R.D.)

  

Primal Scream (Evil Heat)

Primal Scream (Dirty Hits)

Primal Scream (Riot City Blues)