NEWS  
CINEMA  
CINQUE PUNTO 1  
MUSICA  

Black Sabbath  

Casino Royale  

Deadburger  

Chaos| Order  

Dave Gahan  

Depeche Mode  

Depeche Mode: SOTU  
 
Depeche Mode:Discografia  

Duran Duran  

Editors  

Ennio Morricone  

Federico Fiumani  

John Frusciante  

Grinderman(Nick Cave Side Project)  

Guns N’ Roses  

Jarvis Cocker  

Killing Joke  
 
Kraftwerk  
 
Madonna  
  Marilyn Manson  
 
LCD SOUNDSYSTEM  

Marlene Kuntz  
 
Massive Attack  

Miles Davis  

Nine Inch Nails  
 
Pankow  
 
Pere Ubu  

Psychic Tv  

Portishead  

Primal Scream  
 
Psycho Sum  

Rammstein  

Recoil: subHuman  

Recoil: Selected  
 
Red Hot Chili Peppers  
 
Scott Walker  
 
Sonic Youth  
 
Stars  
 
Studio Davoli  

The Good The Bad & The Queen  
 
The Orange Man Theory  
 
The Stooges  

Tobia Lamare & The Sellers  

Tom Waits  
 
UNKLE: Self Defence  
 
UNKLE: War Stories  
LETTURE  
ARTE  
FUMETTI  
INCONTRI  
BLACKBOX  
IL POTERE DEL MEDIO  
OLTRE  
STANLEY KUBRICK  
TEMI DEL DESKTOP  
LINKS  
ARCHIVIO  
DEPECHE MODE TOUR 2005-2006
 
Google
Web blackmailmag.com
 

ENNIO MORRICONE: Crime and dissonance (Ipecac/Goodfellas)
 

ENNIO MORRICONE: Crime and dissonance

Ordina da CDWOW

Trenta brani divisi su due cd per un totale di 102 minuti e 9 secondi costituiscono l’omaggio di Mike Patton e della sua stramba etichetta Ipecac di Orinda, California, a Morricone. Un tributo che pesca nel repertorio meno conosciuto del grande compositore italiano, o almeno nel mare magnum delle soundtracks scritte per commedie, horror e gialli in un periodo compreso tra gli anni ’60 e la prima metÓ dei ’70 (unica incursione negli anni ’80, un pezzo tratto dal film La Storia vera della signora dalle camelie).

   C’Ŕ spazio per il visionario Una lucertola con la pelle di donna di Lucio Fulci (l’anno Ŕ il 1971, gli interpreti Florinda Bolkan e Stanley Baker) e per le ormai famose prime prove di Dario Argento L’uccello dalle piume di cristallo (1969) e Il Gatto a nove code (1971), ma anche per L’Anticristo (1974), pellicola inserita nel filone esorcistico diretta da Alberto De Martino, Giornata nera per l’ariete (1971) di Luigi Bazzoni (con Franco Nero come protagonista e Vittorio Storaro alla fotografia), poi per il noir Gli occhi freddi della paura di Enzo G. Castellari (1971), la commedia nera Barbabl¨ (1972) di Luciano Sacripanti a.k.a. Edward Dmitrick (interpreti: Richard Burton, Raquel Welch, Virna Lisi), Metti una sera a cena (1969), Un Bellissimo novembre (1969), Cuore di mamma (1969), Il Serpente (1973) ed altri ancora.

   Sono gli anni d’oro di Bruno Nicolai e Riz Ortolani, di Piero Umiliani, Nico Fidenco (che pi¨ tardi legherÓ il suo nome a una fetta consistente della filmografia di Aristide Massaccesi/Joe D’Amato) e di un Piero Piccioni passato nel 1968 dai film di impegno civile di Elio Petri e Francesco Rosi all’eros esotico di Bora Bora per Ugo Liberatore.

   Come osserva Francesco Adinolfi nel suo poderoso saggio Mondo Exotica (Torino, Einaudi, 2000, pag. 335): “Forse Ŕ proprio il vorticoso interscambio di generi, musiche, attori, copioni e registi che tra il 1968 e il 1972 indusse Ennio Morricone, il nostro pi¨ rappresentativo compositore di musica da film, a dedicarsi al thrilling tentando di affrancarsi dalle melodie western che fino a quel momento lo avevano caratterizzato. Per sottrarsi alla nomea di quello dell’armonica, del duello all’alba e dei pistoloni, il musicista aveva, infatti, rifiutato numerose offerte di lavoro, evidenziando una grande capacitÓ di trasformazione ed evoluzione.”

   Niente “Sci˛n-sci˛n”, dunque. Niente cadenze epiche. Niente Eastwood occupato ad arraffare il suo pugno di dollari e neppure De Niro annebbiato dall’oppio in una decadente fumeria cinese di New York. Pezzi rari, sperimentali, bizzarri; incursioni nella musica concreta, nel beat, nella psichedelia, in un jazz fortemente ispirato dalle traiettorie sinusoidali del Miles Davis elettrico, come pure nell’universo di Bacharach: ecco l’intrigante proposta, lo scrigno segreto del Maestro.

   La distanza temporale che ci separa dalle pellicole non produce effetti di straniamento. All’interno di quella che Patton, sullo sticker esterno, definisce non a torto “An absolutely essential morriconography” si viaggia alla grande: trip lunari, cosmici, dell’altro mondo (suggestiva la prova cameristica e Il Buio, tratta dallo score de L’Anticristo).

   L’idea della compilazione si deve ad Alan Bishop dei Sun City Girls e nell’elegante booklet illustrato da fotogrammi dei film rappresentati, spicca una sentita nota introduttiva di John Zorn (se non avete mai ascoltato il suo The Big gundown, album interamente dedicato a riletture di temi morriconiani o la versione de Il Clan dei siciliani sul primo disco dei Naked City, la lacuna Ŕ grave!). Crime and dissonance Ŕ molto pi¨ di una curiositÓ musicocinefila, soprattutto quando documenta le collaborazioni tra Morricone e direttori come Franco Tamponi, Nicola Samale, il giÓ citato Nicolai o con il Gruppo di Improvvisazione Nuova Consonanza. Un dieci pieno al generale Patton, alla sua squadra e all’operazione!

(J.R.D.)

www.ipecac.com